Mostri del Paleozoico: scorpioni di mare

Mostri del Paleozoico: scorpioni di mare

Si tratta di un gruppo estinto di artropodi paleozoici acquatici.

Biologia

Etichette

creatura preistorica, fossile, scorpioni marini, estinto, Eurypterida, paleozoico, storia della Terra, epoche geologiche, cambriano, permiano, ventre, chelicero, cuticola di chitina, corazza, cefalotorace, carapace, artropodo, predatore, carnivoro, artropodi, animale, biologia

Extra correlati

Scene

Euripteridi

Gli euripteridi, o scorpioni di mare, sono un gruppo estinto di artropoidi paleozoici acquatici. Erano eccellenti predatori e vivevano nei mari o nei laghi. Anche se a causa del loro postabdomen allungato e del pigidio, ovvero le appendici aghiformi, sembravano simili a scorpioni, non erano veri e propri scorpioni. Appartenevano al gruppo dei chelicerati, similmente agli aracnidi.

L'addome degli scorpioni di mare era coperto da un carapace rigido. Le paia di zampe anteriori servivano per camminare e per nutrirsi, mentre il paio posteriore era modificato così da poter nuotare.

Grazie ai fossili rinvenuti, sono note più di 200 specie di euripteridi, la più comune delle quali era probabilmente lo eurypterus giganteus. Alcuni tra gli esemplari più grandi di questa specie raggiungevano i 130 cm di lunghezza.

Anche il missottero (Mixopterus kiaeri) aveva dimensioni simili. Questa specie era caratterizzata da due serie di forti zampe per camminare, ricoperte da lunghi aghi.

Anche il megalograpto (Megalograptus) aveva zampe per camminare ben sviluppate, e alcuni esemplari raggiungevano i 170 cm di lunghezza.

Il più grande eutripede conosciuto era il jaekelottero (Jaekelopterus rhenaniae), che probabilmente misurava circa 2,5 m di lunghezza e aveva terrificanti cheliceri lunghi 40 cm.

Nuotando

Eurypterus giganteus

  • occhi composti
  • ocelli (occhi semplici)
  • cefalotorace
  • addome
  • pigidio
  • postabdomen
  • carapace
  • zampe per nuotare
  • zampe per camminare
  • cheliceri

Mixopterus kiaeri

  • occhi composti
  • cefalotorace
  • addome
  • pigidio
  • postabdomen
  • carapace
  • zampe per nuotare
  • zampe per camminare
  • cheliceri

Megalograptus

  • occhi composti
  • cefalotorace
  • addome
  • pigidio
  • postabdomen
  • carapace
  • zampe per nuotare
  • zampe per camminare
  • cheliceri

Jaekelopterus rhenaniae

  • occhi composti
  • ocelli (occhi semplici)
  • cefalotorace
  • addome
  • pigidio
  • postabdomen
  • carapace
  • zampe per nuotare
  • zampe per camminare
  • cheliceri

Confronto

  • Eurypterus giganteus
  • Megalograptus
  • Jaekelopterus rhenaniae
  • Mixopterus kiaeri

Animazione

  • occhi composti
  • ocelli (occhi semplici)
  • cefalotorace
  • addome
  • pigidio
  • postabdomen
  • carapace
  • zampe per nuotare
  • zampe per camminare
  • cheliceri

Narrazione

Gli euripteridi, o scorpioni di mare, sono un gruppo estinto di artropoidi paleozoici acquatici. Erano eccellenti predatori e vivevano nei mari o nei laghi. Anche se a causa del loro postabdomen allungato e del pigidio, ovvero le appendici aghiformi, sembravano simili a scorpioni, non erano veri e propri scorpioni. Appartenevano al gruppo dei chelicerati, similmente agli aracnidi.

L'addome degli scorpioni di mare era coperto da un carapace rigido. Le paia di zampe anteriori servivano per camminare e per nutrirsi, mentre il paio posteriore era modificato così da poter nuotare.

Grazie ai fossili rinvenuti, sono note più di 200 specie di euripteridi, la più comune delle quali era probabilmente lo eurypterus giganteus. Alcuni tra gli esemplari più grandi di questa specie raggiungevano i 130 cm di lunghezza.

Anche il missottero (Mixopterus kiaeri) aveva dimensioni simili. Questa specie era caratterizzata da due serie di forti zampe per camminare, ricoperte da lunghi aghi.

Anche il megalograpto (Megalograptus) aveva zampe per camminare ben sviluppate, e alcuni esemplari raggiungevano i 170 cm di lunghezza.

Il più grande eutripede conosciuto era il jaekelottero (Jaekelopterus rhenaniae), che probabilmente misurava circa 2,5 m di lunghezza e aveva terrificanti cheliceri lunghi 40 cm.

Extra correlati

Trilobiti

Questi antenati degli aracnidi e dei crostacei appartenevano alla classe dei trilobiti.

Ammoniti

Un gruppo estinto di cefalopodi, con duri scheletri esterni. Sono ottimi fossili guida.

Deriva dei continenti su scala temporale geologica

I continenti, lungo il corso della storia della Terra, sono in costante movimento.

Flora e fauna del Permiano

Questa scena 3D presenta la flora e la fauna dell'ultimo periodo del Paleozoico.

Flora e fauna nel Carbonifero

Questa animazione presenta piante e animali vissuti tra il Devoniano e il Permiano, ovvero 358-299 milioni di anni fa.

Scorpione giallo a coda grossa

Lo scorpione giallo a coda grossa è uno degli scorpioni più pericolosi al mondo.

Ittiosauro (lucertola pesce)

Rettile marino estinto simile a un pesce, un buon esempio dell'evoluzione convergente.

Ittiostega

Un anfibio preistorico, uno dei primi tetrapodi, estinto 360 milioni anni fa.

Tiktaalik roseae

L'anello di congiunzione tra i pesci e i tetrapodi (vertebrati a quattro zampe).

Apatosauro

Dinosauro erbivoro dal collo lungo e dal corpo possente.

Deinonico

Il Deinonico, il cui nome significa "artiglio terribile", era un dinosauro carnivoro appartenente alla famiglia dei Dromaeosauridi.

Pteranodonte

Rettile preistorico, molto simile agli uccelli, nonostante non ci sia alcun legame diretto tra le due specie.

Stegosaurus

Rettile preistorico con placche ossee sul dorso che venivano usate anche come unità di termoregolazione.

Tyrannosaurus rex (Tirannosauro)

Carnivoro di grandi dimensioni, forse è il più celebre dei dinosauri.

Triceratopo

Questo è un tipo di dinosauro erbivoro vissuto nel periodo Cretaceo, facilmente riconoscibile grazie alla corona ossea semicircolare e alle tre corna.

Added to your cart.