Insediamenti dell’epoca degli Árpád

Insediamenti dell’epoca degli Árpád

Le case a fossa erano abitazioni tipiche dell'epoca degli Árpád.

Storia

Etichette

Árpád dynasty, insediamento, casa a fossa, stile di vita, chiesa, granaio, fossa, residenza, edificio, villaggio, Villaggio, allevamento, agricoltura

Extra correlati

Domande

  • Quale animale fu inseguito da Hunor e Magor?
  • Quale lingua non è linguisticamente affine all'ungherese?
  • Dov'era l'antica patria dei popoli che parlavano la lingua ugro-finnica?
  • Che cosa significa la parola yurta?
  • Quali sono i due fiumi che si incontrano nella regione in cui si trovava il Paese chiamato Magna Hungaria?
  • Quale di queste parole non significa Ungheria?
  • Qual è la regione in cui i magiari non sono si installarono per un lungo periodo?
  • Quale di queste tribù non faceva parte dell'alleanza delle sette tribù magiare?
  • Quale di queste tribù non faceva parte dell'alleanza delle sette tribù magiare?
  • Quando i magiari iniziarono a stabilirsi nel bacino dei Carpazi?
  • Qual era l'obiettivo delle incursioni dei magiari?
  • Quando cessarono le incursioni dei magiari?
  • Dove furono sconfitti i magiari nel 955?
  • Qual era il nome pagano del figlio del principe Géza?
  • Quando morì il principe Géza?
  • Qual era il nome del figlio di Santo Stefano (che dopo fu anche canonizzato)?
  • Quando è morto Santo Stefano?
  • Quando fu incoronato Ladislao I d'Ungheria?
  • Quando fu incoronato Colomanno d'Ungheria?

Scene

Insediamenti

  • chiesa
  • casa di paglia e fango
  • casa di canniccio
  • recinto per bestiame
  • fossa granaria
  • rete da pesca e trappola per pesci

La struttura degli insediamenti dell’epoca degli Árpád


La struttura degli insediamenti dell’epoca degli Árpád può essere ricostruita con precisione grazie ai reperti archeologici e alle fonti scritte. Le case erano disposte in modo casuale, distanti l'una dall'altra, senza strade.
Intorno alle abitazioni c'erano forni esterni e camini, fosse di stoccaggio (ad esempio fosse granarie), palizzate, ripari antivento (costruiti in vimini e legno) e pozzi. Alla periferia del villaggio c'era probablimente anche una piccola chiesa (con un cimitero intorno) circondata da siepi.
I campi al confine del villaggio servivano da pascolo per il bestiame o venivano utilizzati per la coltivazione agricola.

Casa a fossa

  • muro di paglia e fango
  • pavimento ribassato
  • palo di sostegno
  • tetto di paglia
  • forno
  • vaso di terracotta
  • fossa di drenaggio
  • cavità per sedersi

Visitando una casa a fossa

Le case a fossa (o case infossate) erano abitazioni tipiche dell’epoca degli Árpád. Erano edifici scavati nel terreno, il pavimento si trovava sotto il livello del suolo. Di solito questi edifici non avevano muri, la struttura del tetto sostenuta da pali a forma di Y e da arcarecci, era poggiata per terra.
Il tetto veniva coperto da canne o da paglia, ma i tetti formati da diversi strati erano coperti da fango. I frontoni erano fatti di vimini o di adobe, con piccole aperture che servivano da finestre.
Originariamente le case erano costituite da un solo ambiente, ma in seguito la zona notte e la zona cucina furono separate.
Dall'ingresso una scala conduceva all'interno della casa dove si trovava un forno (di pietra o d'argilla) e una cavità per sedersi.
I vestiti si mettevano in bauli di legno, mentre il cibo veniva conservato in vasi di terracotta. Essi, similmente ai materassi, erano collocati su una panchina.

veremhaz_metszet

Sezione trasversale di una casa a fossa

veremhaz_rekonstrukcio

Casa a fossa ricostruita

Stile di vita

Stile di vita nell'era degli Árpád


Gli abitanti del villaggio vivevano di agricoltura e allevamento. Le ossa trovate dagli archeologi indicano che il loro cibo principale era la carne bovina, ma consumavano anche carne ovina, caprina e occasionalmente carne suina. Gli animali da soma più utilizzati erano priincipalmente i cavalli. Per proteggere i piccoli animali si costruivano recinti con ripari antivento.
Le colture più importanti erano il frumento, l'orzo e il miglio. I prodotti raccolti e trebbiati venivano solitamente immagazzinati in fosse granarie. Le case erano spesso circondate da orti per la coltivazione di ortaggi, ad esempio, il cavolo.
I villaggi erano autosufficienti, gli artigiani (ceramisti, fabbri, falegnami, ecc.) fornivano tutti gli oggetti che servivano agli abitanti del villaggio. Altre attività necessarie alla vita dei villaggi erano svolte da pescatori, pastori, boscaioli, etc.

Chiesa

  • cortile della chiesa
  • cimitero
  • campanile
  • siepe
  • palo di legno tombale
  • tetto in scandole
  • ingresso
  • muro di mattoni intonacato
  • santuario
  • finestre strette
  • muro di mattoni
  • volta
  • panchine
  • balcone
  • soffitto piano

Fossa granaria

  • terreno argilloso
  • parte interna in argilla cotta
  • rivestimento in paglia
  • 3-4,5 tonnellate di cereali
  • sigillo di paglia
  • sigillo d'argilla
  • tetto della fossa

Passeggiata

I villaggi nell'era degli Árpád consistevano di case disposte in modo casuale. Intorno alle abitazioni c'erano forni esterni e camini, pozzi di stoccaggio, palizzate, ripari antivento (costruiti in vimini e legno) e pozzi. La chiesa e il cimitero si trovavano dietro le abitazioni, circondati da siepi. I campi che servivano da pascolo per il bestiame o per la coltivazione agricola si trovavano al confine del villaggio.

Le case a fossa erano edifici scavati nel terreno. La struttura del tetto sostenuta da pali a forma di Y e da arcarecci era poggiata per terra. Dall'ingresso una scala conduceva all'interno della casa costituita da un solo ambiente. Qui si trovava un forno e una cavità per sedersi. I "mobili" consistevano di bauli di legno collocati sulle panchine insieme agli altri oggetti e ai materassi.

Animazione

Narrazione

Gli insediamenti dell’epoca degli Arpad possono essere ricostruiti con precisione grazie ai reperti archeologici e alle fonti scritte. Le case erano disposte in modo casuale, distanti l'una dall'altra. Non c'erano strade.

Intorno alle abitazioni c'erano forni esterni e camini, fosse di stoccaggio (ad esempio fosse granarie), palizzate, ripari antivento (costruiti in vimini e legno) e pozzi. Accanto all'insediamento c'era probablimente anche una piccola chiesa (con un cimitero intorno) circondata da siepi.
I campi dietro la chiesa servivano da pascolo per il bestiame o venivano utilizzati per la coltivazione agricola.

Le case a fossa (o case infossate) erano abitazioni tipiche dell’epoca degli Árpád. Erano edifici scavati nel terreno in modo che il pavimento era sotto il livello del suolo. Di solito questi edifici non avevano muri, la struttura del tetto sostenuta da pali e arcarecci era poggiata per terra.
Il tetto veniva coperto da canne o da paglia, ma i tetti formati da strati erano coperti da fango. I frontoni erano fatti di vimini o di adobe; le piccole aperture servivano da finestre.
Originariamente le case erano spesso costituite da un solo ambiente, ma in seguito la zona notte e la zona cucina furono separate.
Dall'ingresso una scala conduceva all'interno della casa dove si trovava un forno (di pietra o d'argilla) e una cavità per sedersi.
I vestiti si mettevano in bauli di legno, mentre il cibo veniva conservato in vasi di terracotta. Essi, similmente ai materassi, erano collocati sulle panchine.

Extra correlati

Abitazioni tipiche

Ogni epoca ed ogni cultura è caratterizzata da abitazioni specifiche.

Avari eurasiatici (VIII secolo)

Gli Avari fondarono un regno stabile nel bacino dei Carpazi nel sesto e ottavo secolo.

Cappella sepolcrale cattolica (Feldebrő, Ungheria)

Questa chiesa parrocchiale costruita nell'XI secolo è uno dei più importanti monumenti storici dell'Ungheria.

Casa in tronchi

Le case in tronchi erano abitazioni tipiche in Ungheria nell'era degli Arpad.

Casa rurale (XIX secolo)

Piccole case rurali, di solito situate vicino al confine delle città rurali, usate da contadini.

Fortezza di terra, Ungheria

Una fortezza di terra triangolare, usata dal capo di una delle antiche tribù ungheresi al momento della conquista della nuova patria.

Scavo archeologico (casa a fossa)

La realizzazione di ampi siti offre agli archeologi grandi possibilità per ricercare reperti.

Stile di vita degli eschimesi

Gli iglù sono le abitazioni tipiche degli eschimesi nella zona artica.

Tattiche degli incursori magiari (IX-X secolo)

La tattica usata dalla maggior parte dei popoli nomadi consisteva nella finta fuga seguita da un ritorno e un attacco inattesi.

Abbazia benedettina di Ják (Ungheria)

La chiesa benedettina di stile romanico con portone particolare fu costruita nel XIII secolo nel paese di Ják.

Abbigliamento (Ungheria, X secolo)

L’abbigliamento riflette lo stile di vita e cultura della popolazione di una determinata epoca e regione.

Città di mercato (Regno d’Ungheria)

Nel tardo medioevo le città regie si trasformarono in città di mercato diventando il tipo di città più diffuso del Regno d'Ungheria.

Casale rurale medievale

I casali rurali medievali erano strutture semplici ad un piano, costruite utilizzando terra battuta, adobe e legno.

Tipi di fattorie e villaggi

La struttura e la densità di fattorie e di villaggi dipende dalle caratteristiche geografiche della regione.

Villaggio con strada singola e lotti di terreno

I villaggi stabiliti nelle valli erano costituiti da case costruite accanto a lotti di terreno lunghi e stretti.

Yurta

La yurta, abitazione tradizionale delle popolazioni nomadi, è una tenda di forma circolare e a cupola coperta da feltro.

Added to your cart.