Formazione delle nubi, tipi di nubi

Formazione delle nubi, tipi di nubi

L'acqua di superficie evaporata forma nuvole di varie forme da cui l'acqua cade di nuovo in superficie come precipitazione.

Geografia

Etichette

tempo, formazione delle nubi, precipitazione, forme di nubi, precipitazioni, nuvola, nuvole, pioggia, nevicata, temporale, ciclo dell'acqua, vapore acqueo, acqua, gocce di acqua, cristallo di ghiaccio, atmosfera, aria, radiazione solare, ciclo, energia solare, evaporazione, congelamento, colamento, idrosfera, vento, pressione dell'aria, clima, natura, geografia

Extra correlati

Scene

Formazione delle nubi

  • radiazione solare
  • evaporazione dalla superficie
  • evapotraspirazione delle piante
  • evaporazione dell'oceano
  • aria umida calda ascendente
  • aria umida ascendente che si raffredda
  • condensazione
  • formazione delle nubi

Precipitazione

  • evaporazione
  • condensazione
  • formazione delle nubi
  • precipitazione
  • pioggia
  • nevicata

Tipi di nubi

  • Cirro - Nome latino: cirrus. Nube a struttura filamentosa, costituita da cristalli di ghiaccio. Lascia passare la luce senza generare ombre. Non è portatore di precipitazioni.
  • Cirrostrato - Nome latino: cirrostratus. Costituito essenzialmente da cristalli di ghiaccio, è un sottile strato di nube di colore argentato che non porta precipitazioni.
  • Cirrocumulo - Nome latino: cirrocumulus. È formato da cristalli di ghiaccio disposti in piccoli ammassi globulari, organizzati in linee ondulate. Non è portatore di precipitazioni.
  • Altostrato - Nome latino: altostratus. Copre il cielo in maniera uniforme, con un velo grigio. Non sempre dà luogo a precipitazioni, a volte porta pioggia o neve di debole intensità.
  • Altocumulo - Nome latino: altocomulus. È composto di piccole masse tondeggianti a strati. Non è portatore di precipitazioni.
  • Stratocumulo - Nome latino: stratocomulus. Si presenta in ammassi tondeggianti appiattiti, più o meno collegati tra loro. Porta raramente precipitazioni.
  • Strato - Nome latino: stratus. È simile a nebbia sospesa in quota che dà al cielo un aspetto offuscato e uniforme. Può dare luogo a precipitazioni costituite da pioggia minuta e fitta o da nevischio.
  • Cumulo - Nome latino: cumulus. Nube isolata con contorni ben definiti, base appiattia e cima a forma di cupola. Può dare precipitazioni sotto forma di rovesci di pioggia o di neve granulare.
  • Nembostrato - Nome latino: nimbostratus. È una nube grigio scuro con un aspetto omogeneo, di spessore notevole. Segna la formazione di un fronte caldo e dà luogo a piogge o nevicate.
  • Cumulonembo - Nome latino: cumulonimbus. Alto, con una base irregolare e una sommità a forma di incudine. Può produrre pioggia sotto forma di rovesci violenti, temporali o grandine.
  • 0 m
  • 2000 m
  • 6000 m

Condensazione

  • particella di fuliggine
  • condensazione
  • goccia d'acqua sopraffusa
  • gocciolina di ghiaccio

Animazione

  • radiazione solare
  • evaporazione dalla superficie
  • evapotraspirazione delle piante
  • evaporazione dell'oceano
  • aria umida calda ascendente
  • aria umida ascendente che si raffredda
  • condensazione
  • formazione delle nubi
  • evaporazione
  • condensazione
  • formazione delle nubi
  • precipitazione
  • Cirro - Nome latino: cirrus. Nube a struttura filamentosa, costituita da cristalli di ghiaccio. Lascia passare la luce senza generare ombre. Non è portatore di precipitazioni.
  • Cirrostrato - Nome latino: cirrostratus. Costituito essenzialmente da cristalli di ghiaccio, è un sottile strato di nube di colore argentato che non porta precipitazioni.
  • Cirrocumulo - Nome latino: cirrocumulus. È formato da cristalli di ghiaccio disposti in piccoli ammassi globulari, organizzati in linee ondulate. Non è portatore di precipitazioni.
  • Altostrato - Nome latino: altostratus. Copre il cielo in maniera uniforme, con un velo grigio. Non sempre dà luogo a precipitazioni, a volte porta pioggia o neve di debole intensità.
  • Altocumulo - Nome latino: altocomulus. È composto di piccole masse tondeggianti a strati. Non è portatore di precipitazioni.
  • Stratocumulo - Nome latino: stratocomulus. Si presenta in ammassi tondeggianti appiattiti, più o meno collegati tra loro. Porta raramente precipitazioni.
  • Strato - Nome latino: stratus. È simile a nebbia sospesa in quota che dà al cielo un aspetto offuscato e uniforme. Può dare luogo a precipitazioni costituite da pioggia minuta e fitta o da nevischio.
  • Cumulo - Nome latino: cumulus. Nube isolata con contorni ben definiti, base appiattia e cima a forma di cupola. Può dare precipitazioni sotto forma di rovesci di pioggia o di neve granulare.
  • Nembostrato - Nome latino: nimbostratus. È una nube grigio scuro con un aspetto omogeneo, di spessore notevole. Segna la formazione di un fronte caldo e dà luogo a piogge o nevicate.
  • Cumulonembo - Nome latino: cumulonimbus. Alto, con una base irregolare e una sommità a forma di incudine. Può produrre pioggia sotto forma di rovesci violenti, temporali o grandine.
  • 0 m
  • 2000 m
  • 6000 m

Narrazione

Le masse d'acqua superficiali ed il contenuto di umidità delle piante iniziano ad evaporare per via della radiazione solare. Il vapore acqueo risale nell'atmosfera più fredda per condensarsi, generando così una nube.
Il processo di condensazione del vapore inizia attorno a piccole particelle di polvere e di fuliggine sulle quali le piccole gocce d'acqua si depositano raffreddandosi. Le goccioline d'acqua sopraffuse che formano le nuvole non vengono congelate neanche a temperature inferiori a 0 °C, a causa delle loro ridotte dimensioni. Le nubi possono essere costituite da cristalli di ghiaccio o goccioline d'acqua sopraffuse.
Le goccioline d'acqua condensata iniziano a crescere. Raggiunta una certa dimensione, le gocce non possono più rimanere in sospensione nell'aria e cadono a terra sotto forma di precipitazioni. Quando le temperature sono superiori a 0 °C, piove; quando sono inferiori a 0 ° C, nevica.

In base all'altezza, le nubi si possono distinguere in tre gruppi: nubi alte, nubi medie e nubi basse. Le due eccezioni sono le nubi cumulonembi e cumuliformi, che hanno un'estensione verticale. Le nubi alte sono composte da cristalli di ghiaccio, mentre quelle medie e basse sono di solito costituite da goccioline d'acqua che diventano cristalli di ghiaccio e neve nei mesi invernali.

Le nubi possono essere classificate anche in base alla loro forma: ci sono nubi stratiformi e cumuliformi. Le nubi stratiformi hanno una grande estensione orizzontale, ma sono relativamente sottili. Di solito si formano nel caso di un raffreddamento graduale.

Le nubi cumuliformi possono avere un'estensione verticale che supera quella orizzontale. Di solito si formano nel caso di un raffreddamento rapido.

I cirri sono costituiti da cristalli di ghiaccio sparsi. Non coprono il sole, lasciando passare la luce. Sono costituiti da filamenti o fili sottili, la loro forma dipende dai venti dell'alta atmosfera. Con il bel tempo sono visibili in cielo per diverse ore.

I cirrostrati formano un velo lattiginoso nel cielo. La loro struttura può essere fibrosa, striata o uniforme. Possono coprire il cielo parzialmente o interamente, lasciando intravedere il Sole. I cirrostrati segnalano l'arrivo di un fronte, visto che la loro formazione è dovuta a una corrente ascensionale. In questo caso i cirrostrati si addensano in modo graduale.

I cirrocumuli sono nubi sottili che compaiono in banchi. Indicano l'avvicinarsi di un fronte freddo. Hanno l'aspetto di piccoli globi bianchi separati o fusi che sono tipicamente disposti in modo regolare.

Gli altocumuli sono costituiti principalmente da gocce d'acqua, ma in zone fredde possono contenere anche cristalli di ghiaccio. Queste nubi si presentano in banchi di colore bianco o grigio. Di solito sono composte di lamelle o di masse tondeggianti. Se gli altocumuli si presentano con protuberanze a forma di torrette, significa che sta per arrivare un temporale.

Gli altostrati sono costituiti da gocce d'acqua e da cristalli di ghiaccio. Coprono il cielo totalmente o parzialmente, ma sempre in maniera uniforme, con un velo più o meno denso, fibroso, striato, di colore grigio tendente all'azzurrognolo. Quando lo spessore è significativo occultano il Sole, mentre se è ridotto possono farlo vedere come attraverso un vetro smerigliato. Queste nubi possono produrre precipitazioni deboli a carattere di pioggia o di neve.

Gli stratocumuli sono nubi bianco grigiastre che contengono tutti i tipi di precipitazioni: goccioline di acqua sopraffusa, gocce di pioggia e cristalli di ghiaccio. Si presentano in ammassi a forma di cuscino o cilindro, più o meno collegati tra loro. Qualche volta si presentano a strati più densi che, a seconda dello spessore, possono coprire il sole. Di solito nubi del genere non danno precipitazioni e, se le portano, sono di debole intensità.

Gli strati sono costituiti da goccioline d'acqua o, nel periodo invernale, da cristalli di ghiaccio. Sono nubi basse (si trovano ad un'altitudine di 50-100 m) e uniformi, di colore grigiastro. Si generano come conseguenza del sollevamento della nebbia. Possono dare luogo a precipitazioni costituite da pioviggine o da nevischio.

I cumuli sono costituiti principalmente da gocce d'acqua. Si tratta sempre di nubi isolate, generalmente dense, con contorni ben definiti, a piccolo o a grande sviluppo verticale, ma sempre a forma di cupole o di torri. Le parti superiori hanno un colore bianco splendente, mentre la base è grigiastra. Sono tipiche dell'estate, si formano a causa dell'evaporazione. In genere sono indice, se poco sviluppate, di bel tempo. Però alcune volte queste nubi si sviluppano molto in verticale formando torri che sono lo stadio del cumulo prima della trasformazione a cumulonembo.

I cumulonembi sono nubi spesse e dense, a forte sviluppo orizzontale e verticale. Si presentano come torri molto elevate che, dalla base relativamente non molto alta dal suolo (1000-2000 m), si ergono per alcuni chilometri, talvolta raggiungendo i 14-15 chilometri di quota. Queste nubi possono produrre pioggia sotto forma di rovesci violenti o grandine, spesso accompagnata da fulmini e raffiche violente di vento, sopratutto in estate. Alla base di cumulonembi si vedono spesso filamenti di precipitazione.

I nembostrati sono nubi grigio scuro con un aspetto omogeneo. Sono costituite da goccioline d'acqua e gocce di pioggia, in inverno da cristalli di neve e ghiaccio. Sono spesse alcuni chilometri, tanto da nascondere il sole, e danno luogo a precipitazioni continue.

Extra correlati

Acque sotterranee

Le falde confinate, non confinate e carsiche sono acque sotterranee.

Ciclone e anticiclone delle latitudini medie

I cicloni sono grandi vortici atmosferici nei quali si formano nubi e precipitazioni.

Cicloni tropicali

I cicloni sono grandi vortici atmosferici nei quali si formano nubi e precipitazioni.

Circolazione atmosferica

La circolazione atmosferica dovuta alla differenza di temperatura tra i poli e l'Equatore è influenzata da vari fattori come la rotazione della Terra.

Dissalazione dell’acqua di mare

Attraverso il processo di dissalazione si ottiene acqua potabile dall'acqua di mare.

Fronte caldo, fronte freddo

All'incontro di masse di aria fredda con masse di aria calda si formano fronti freddi o caldi.

Fulmine

Un fulmine è un'improvvisa scarica elettrostatica accompagnata da un suono noto come tuono.

Il ciclo dell’acqua (livello avanzato)

Lo stato dell'acqua presente sulla Terra è in continua trasformazione. Il ciclo dell'acqua comprende passaggi di stato come l'evaporazione, la...

Sistema dei monsoni

Il monsone estivo è un vento che porta pioggia dal mare verso la terraferma.

Strumenti meteorologici (livello elementare)

L'animazione presenta gli strumenti utilizzati per esaminare i fenomeni atmosferici.

Strumenti meteorologici (livello medio)

L'animazione presenta gli strumenti utilizzati per esaminare i fenomeni atmosferici.

Tornado

I tornado sono di breve durata ma estremamente potenti, possono causare una grande quantità di danni.

Venti locali

I tipi di venti locali più importanti sono la brezza di mare e di terra, la brezza di monte e di valle e il favonio.

Zonazione altitudinale

Nelle aree montagnose il clima, le proprietà del suolo, la flora e la fauna cambiano a seconda delle quote.

Added to your cart.