Comete

Comete

Le comete sono spettacolari corpi celesti in orbita attorno al Sole.

Geografia

Etichette

asteroide, meteora, cometa, Halley-üstökös, Halley, astronomia, Sistema solare, Nube di Oort, fascia principale degli asteroidi, oggetto astronomico, fascia di Kuiper, ricerca spaziale, orbita intorno al sole, spazio cosmico, fisica, Sole, geografia

Extra correlati

Scene

Sistema Solare

  • cometa
  • Nube di Oort - Una "nube" sferica che costituisce il limite estremo del nostro Sistema Solare. È composta da miliardi di piccoli corpi planetari.
  • Fascia di Kuiper - Una cintura di asteroidi, situata oltre ai giganti gassosi del Sistema Solare.

Di tanto in tanto possiamo osservare fenomeni spettacolari che si verificano nel nostro Sistema Solare, come ad esempio la comparsa di comete. Le comete sono corpi celesti, visibili dalla Terra anche ad occhio nudo, che appaiono periodicamente nel cielo.

Cometa

  • testa - È costituita dal chioma e dal nucleo.
  • coda di gas - La coda diritta e più lunga della cometa, situata lungo la linea tra la cometa e il Sole. Consiste di gas.
  • coda di polvere - La coda più corta della cometa che si presenta con una forma ricurva. Consiste di particelle di polvere, trascinate dai gas provenienti dalla chioma.
  • vento solare

Le comete sono costituite da un nucleo, una chioma ed una coda. Sono composte dalle più antiche sostanze del Sistema Solare. Si formarono quando parte del materiale della nebulosa solare fu espulso nelle regioni esterne del Sistema Solare, dove la temperatura era abbastanza bassa da congelare i gas, e quindi da cementare insieme detriti rocciosi e particelle di polvere. I nuclei delle comete, tenuti insieme da ghiaccio d'acqua e vari composti di carbonio congelati, sono quindi di forma irregolare e presentano una crosta porosa. Questo è il motivo per cui i nuclei delle comete sono spesso chiamati "palle di neve sporche".

Quando una cometa passa vicino al Sole, alcuni dei gas congelati nel suo nucleo sublimano, ovvero entrano nella fase gassosa, e fuoriuscendo spazzano via le particelle di polvere. È così che si forma la chioma, l'involucro simile all'atmosfera che circonda il nucleo cometario. Ogni volta che la cometa passa vicino al Sole, perde parte del suo materiale, pertanto alla fine scomparirà.

Il vento solare spinge via le particelle di gas e di polvere in direzione opposta al Sole, formando così la coda della cometa. Le comete hanno due code: la coda più lunga e dritta è costituita da gas, mentre quella più corta e curva è costituita da particelle di polvere. Le particelle di gas nella coda del gas sono allo stato ionizzato, quindi emettono luce bluastra; mentre le particelle nella coda della polvere (o anticoda) riflettono la luce del Sole, ecco perché la coda della polvere appare luminosa e giallastra.

Orbite

  • Fascia di Kuiper - Una cintura di asteroidi, situata oltre ai giganti gassosi del Sistema Solare.
  • cometa di breve periodo - Il piano orbitale di questo tipo di cometa è simile al piano di simmetria del Sistema Solare. Il suo periodo orbitale non supera i 200 anni. Si origina nella fascia di Kuiper.
  • cometa di lungo periodo - Il periodo orbitale di questo tipo di cometa può superare i 200 anni fino a diversi milioni di anni. Si origina nella nube di Oort.
  • parte dell'orbita vicina al Sole

Le comete di solito hanno origine nelle due regioni più distanti del Sistema Solare esterno, la fascia di Kuiper o la nuvola di Oort. Queste regioni sono caratterizzate da instabilità gravitazionale e qualsiasi tipo di disturbo può far sì che una cometa lasci la sua orbita e inizi a muoversi verso il Sistema Solare interno.

A seconda della loro orbita, le comete possono essere classificate come comete di breve o di lungo periodo. Le comete di breve periodo hanno origine nella cintura di Kuiper ed il loro periodo orbitale è inferiore a 200 anni, cioè ritornano relativamente spesso nel Sistema Solare interno. Le comete di lungo periodo, invece, hanno origine nella nuvola di Oort ed il loro periodo orbitale varia tra 200 e diversi milioni di anni.

Cometa di Halley

  • Sole
  • Giove
  • Saturno
  • Urano
  • Nettuno
  • Cometa di Halley - Ha un periodo orbitale di 75,3 anni. È stata osservata per l'ultima volta nel 1986 e la prossima volta apparirà sul cielo nel 2061. Si suppone che sia la più antica cometa conosciuta.
  • parte dell'orbita vicina al Sole

La cometa di Halley è la prima cometa ad essere stata osservata dall'uomo. Durante il suo approccio più vicino al Sole può essere osservata ad occhio nudo. L'ultima volta che è stato visibile dalla Terra è stato nel 1986 e tornerà nel 2061; il suo periodo orbitale è di circa 75 anni. È una cometa di breve periodo.

Durante la sua apparizione nel 1986, diverse sonde spaziali hanno studiato la cometa. Secondo i dati raccolti, il suo nucleo di 15x15x8 chilometri è costituito principalmente da ghiaccio d'acqua, coperto da una crosta scura e sottile.

Cometa Churyumov-Gerasimenko

  • Sole
  • Terra
  • Marte
  • Giove
  • Saturno
  • Urano
  • Nettuno
  • Cometa Churyumov-Gerasimenko - Attualmente ha un periodo orbitale di 6,5 anni. Fu scoperta nel 1969. È la prima cometa ad essere stata raggiunta da una sonda spaziale con strumenti.

La cometa Churyumov-Gerasimenko ha probabilmente avuto origine nella cintura di Kuiper, ma la sua orbita è stata notevolmente modificata dalla gravità di Giove. Attualmente è in orbita nel Sistema Solare interno ed ha un periodo orbitale di 6,5 anni.

La forma del suo nucleo ricorda quella di un'anatra di gomma, dato che consiste di due protuberanze più grandi, collegati da un collo stretto. Quando la cometa passa vicino al Sole, una quantità significativa di vapore acqueo fuoriesce dalla sua superficie. È stata la prima cometa su cui sono sbarcati strumenti di misura.

La gravità di Giove

  • Cometa Shoemaker-Levy - Fu scoperta nel 1993. Probabilmente iniziò a orbitare attorno a Giove negli anni 1970, quando la gravità del pianeta la catturò. La gravità di Giove la spezzò probabilmente nel 1992. I pezzi della cometa entrarono in collisione con l'emisfero meridionale di Giove nel luglio 1994.

La massa di Giove è abbastanza grande da poter modificare le orbite delle comete provenienti dalle regioni ultraperiferiche del Sistema Solare o persino per attirarle nel proprio campo gravitazionale, proteggendo così i pianeti interni dallo scontro con le stesse comete. Una delle comete catturate da Giove è stata la Shoemaker–Levy, scoperta nel 1993. Probabilmente iniziò ad orbitare attorno a Giove negli anni 1970, quando la gravità del pianeta la catturò. Si frammentò in diversi pezzi, mentre venne distrutta dalla gravità di Giove nel 1992. I pezzi di allora si scontrarono con l'emisfero meridionale del pianeta nel luglio del 1994.

Cometa, asteroide, meteoroide

  • cometa - Un oggetto celeste, costituito da polvere e ghiaccio. Quando passa vicino al Sole forma una coda.
  • asteroide - Un oggetto celeste di dimensioni inferiori a quelle di un pianeta, con un diametro superiore a 1 km.
  • meteoroide - Un oggetto celeste di dimensioni inferiori a quelle di un asteroide. Se entra in ecollisione con la superficie terrestre, è chiamato meteorite.
  • meteora - Un fenomeno luminoso, prodotto da un meteoroide che raggiunge l'atmosfera terrestre. È anche conosciuta come "stella cadente".
  • meteorite - Un pezzo di un meteoroide sopravvissuto all'impatto dopo la collisione con la superficie terrestre.

Molti di noi non sanno distinguere tra comete, asteroidi e meteoroidi.

La coda che si forma vicino al Sole è una delle caratteristiche delle comete. Gli asteroidi, che hanno dimensioni simili, non hanno la coda. Anche la loro composizione materiale è diversa a causa del diverso luogo di formazione. Gli asteroidi si formano vicino al Sole, mentre le comete si formano lontano da esso.

I meteoroidi sono più piccoli delle comete e degli asteroidi, ma più grandi delle particelle di polvere interplanetaria. Quando entrano nell'atmosfera terrestre, interagiscono con le particelle d'aria. Il fenomeno della luce che ne risulta è ciò che chiamiamo meteora, o "stella cadente". Se un meteoroide non si brucia completamente nell'atmosfera, raggiunge la superficie terrestre come meteorite.

Narrazione

Di tanto in tanto possiamo osservare fenomeni spettacolari che si verificano nel nostro Sistema Solare, come ad esempio la comparsa di comete. Le comete sono corpi celesti, visibili dalla Terra anche ad occhio nudo, che appaiono periodicamente nel cielo.

Le comete sono costituite da un nucleo, una chioma ed una coda. I nuclei delle comete, tenuti insieme da ghiaccio d'acqua e vari composti di carbonio congelati, sono quindi di forma irregolare e presentano una crosta porosa. Questo è il motivo per cui i nuclei delle comete sono spesso chiamati "palle di neve sporche".

Quando una cometa passa vicino al Sole, alcuni dei gas congelati nel suo nucleo sublimano, ovvero entrano nella fase gassosa, e fuoriuscendo spazzano via le particelle di polvere. È così che si forma la chioma, l'involucro simile all'atmosfera che circonda il nucleo cometario.

Il vento solare spinge via le particelle di gas e di polvere in direzione opposta al Sole, formando così la coda della cometa. Le comete hanno due code: la coda più lunga e dritta è costituita da gas, mentre quella più corta e curva è costituita da particelle di polvere. Le particelle di gas nella coda del gas sono allo stato ionizzato, quindi emettono luce bluastra; mentre le particelle nella coda della polvere (o anticoda) riflettono la luce del Sole, ecco perché la coda della polvere appare luminosa e giallastra.

A seconda della loro orbita, le comete possono essere classificate come comete di breve o di lungo periodo. Le comete di breve periodo hanno origine nella cintura di Kuiper ed il loro periodo orbitale è inferiore a 200 anni, cioè ritornano relativamente spesso nel Sistema Solare interno. Le comete di lungo periodo, invece, hanno origine nella nuvola di Oort ed il loro periodo orbitale varia tra 200 e diversi milioni di anni.

La cometa di Halley è la prima cometa ad essere stata osservata dall'uomo. Durante il suo approccio più vicino al Sole può essere osservata ad occhio nudo. L'ultima volta che è stato visibile dalla Terra è stato nel 1986 e tornerà nel 2061; il suo periodo orbitale è di circa 75 anni. È una cometa di breve periodo.

Durante la sua apparizione nel 1986, diverse sonde spaziali hanno studiato la cometa. Secondo i dati raccolti, il suo nucleo di 15x15x8 chilometri è costituito principalmente da ghiaccio d'acqua, coperto da una crosta scura e sottile.

La cometa Churyumov-Gerasimenko ha probabilmente avuto origine nella cintura di Kuiper, ma la sua orbita è stata notevolmente modificata dalla gravità di Giove. Attualmente è in orbita nel Sistema Solare interno ed ha un periodo orbitale di 6,5 anni.

La forma del suo nucleo ricorda quella di un'anatra di gomma, dato che consiste di due protuberanze più grandi, collegati da un collo stretto. Quando la cometa passa vicino al Sole, una quantità significativa di vapore acqueo fuoriesce dalla sua superficie. È stata la prima cometa su cui sono sbarcati strumenti di misura.

La massa di Giove è abbastanza grande da poter modificare le orbite delle comete provenienti dalle regioni ultraperiferiche del Sistema Solare o persino per attirarle nel proprio campo gravitazionale, proteggendo così i pianeti interni dallo scontro con le stesse comete. Una delle comete catturate da Giove è stata la Shoemaker–Levy, scoperta nel 1993. Probabilmente iniziò ad orbitare attorno a Giove negli anni 1970, quando la gravità del pianeta la catturò. Si frammentò in diversi pezzi, mentre venne distrutta dalla gravità di Giove nel 1992. I pezzi di allora si scontrarono con l'emisfero meridionale del pianeta nel luglio del 1994.

Molti di noi non sanno distinguere tra comete, asteroidi e meteoroidi. La coda che si forma vicino al Sole è una delle caratteristiche delle comete. Gli asteroidi, che hanno dimensioni simili, non hanno la coda. Anche la loro composizione materiale è diversa a causa del diverso luogo di formazione. Gli asteroidi si formano vicino al Sole, mentre le comete si formano lontano da esso.

I meteoroidi sono più piccoli delle comete e degli asteroidi, ma più grandi delle particelle di polvere interplanetaria. Quando entrano nell'atmosfera terrestre, interagiscono con le particelle d'aria. Il fenomeno della luce che ne risulta è ciò che chiamiamo meteora, o "stella cadente". Se un meteoroide non si brucia completamente nell'atmosfera, raggiunge la superficie terrestre come meteorite.

Extra correlati

Evoluzione del Sistema Solare

Il Sole e i pianeti si sono formati dalla condensazione di una nube di polvere circa 4,5 miliardi di anni fa.

La formazione della Terra e della Luna

L'animazione presenta la formazione della Terra e della Luna.

Pianeti, dimensioni

I pianeti interni del Sistema Solare sono detti pianeti terrestri, mentre i pianeti esterni si chiamano giganti gassosi.

Il Sistema Solare; orbite planetarie

Le orbite degli 8 pianeti del nostro Sistema Solare sono ellittiche.

Il Sole

Il diametro del Sole è circa 109 volte più grande di quello della Terra. Il Sole è costituito principalmente da idrogeno.

Curiosità di astronomia

L'animazione presenta alcuni fatti interessanti nel campo dell'astronomia.

Giove

Giove è il pianeta più grande del Sistema Solare, con una massa di due volte e mezzo maggiore di quelle di tutti gli altri pianeti messi insieme.

La missione Dawn

Studiare Cerere e Vesta ci aiuterà a conoscere meglio la storia iniziale del Sistema Solare e di come vengono a formarsi i pianeti rocciosi.

Osservatorio astronomico

Gli osservatori astronomici sono di solito situati a grandi altitudini, in modo da minimizzare gli effetti della turbolenza atmosferica.

Le leggi di Keplero sul moto planetario

Le tre leggi importanti che descrivono il moto planetario furono formulate da Giovanni Keplero.

Le leggi di Newton sul moto

L'animazione illustra le tre leggi del moto, formulate da Sir Isaac Newton, che ha gettato le basi per la meccanica classica.

Added to your cart.