Abbazia benedettina di Ják (Ungheria)

Abbazia benedettina di Ják (Ungheria)

La chiesa benedettina di stile romanico con portone particolare fu costruita nel XIII secolo nel paese di Ják.

Storia

Etichette

church of Ják, Ják, Jáki Nagy Márton, benedettino, abbazia, Szent Jakab-kápolna, Frigyes Schulek, San Giorgio, cappella, chiesa, rumeno, cattolico, torre

Extra correlati

Scene

Abbazia benedettina di Ják

L'abbazia benedettina di Ják
L'abbazia benedettina è situata su una collina nel villaggio di Ják, Ungheria occidentale, a 10 km da Szombathely.
La costruzione della chiesa iniziò nel 1220; è stata costruita in tre fasi e ha ricevuto la sua forma finale dopo l'invasione mongola. Fu consacrata in onore di San Giorgio nel 1256.
L'edificio è il più incantevole lavoro di architettura romanica in Ungheria.
L'abbazia ha avuto una storia turbolenta: parti di essa sono state distrutte, è stata colpita da un fulmine e danneggiata da un incendio. Il suo ultimo restauro ha avuto luogo nel XX secolo, secondo i piani di Frigyes Schulek.

jak_felulnezetbol

L'abbazia benedettina e il giardino

Portale

La facciata e il portale
La maggior parte delle decorazioni esterne della chiesa si trova sulla parete occidentale, attorno al portale principale. La parte inferiore della facciata è dominata dal portale strombato che è decorato con motivi geometrici. La decorazione del portale è ricca e varia, con motivi geometrici caratteristici dello stile normanno.
Il timpano sopra il portale è decorato con nicchie di archetti trilobati, divise da pilastri. Le nicchie contengono statue ornamentali, importanti esempi di scultura architettonica romanica in Ungheria. Le statue raffigurano Gesù Cristo ei 12 apostoli. Solo 3 delle statue oggi hanno le teste originali, le altre sono state distrutte dai predoni ottomani nel 1532 e sono state sostituite successivamente.
La parte superiore della facciata termina in un timpano, formando una transizione organica verso le parti superiori dell'edificio.

kapuzat

La facciata e il portale

Edificio

Caratteristiche architettoniche
La chiesa si trova su una collina ed è circondata da un muro. Si può accedere al sagrato attraverso un cancello decorato (porta Folnay, costruita nel 1663).
La chiesa a tre navate fu costruita nel tipico stile romanico, su una pianta basilicale. Le torri sono parte integrante degli esterni, le navate laterali iniziano sotto le guglie.
La maggior parte delle decorazioni esterne della chiesa si trova sulla parete occidentale, attorno al portale principale. La parte inferiore della facciata è dominata dal portale ornato, decorato con motivi geometrici. Il portale è uno dei massimi esempi di architettura romanica in Ungheria.
Il resto dell'edificio è meno decorato (tranne forse il santuario orientale). La monotonia delle pareti è interrotta da raggruppamenti di colonne, figure umane e animali. Le finestre sono ad arco.

jak_alaprajz

Piano terra

Cappella

La Cappella di San Giacomo
La cappella di San Giacomo si trova di fronte alla facciata occidentale principale. Poiché fu vietato l'uso delle abbazie come chiese parrocchiali nel Medioevo, la cappella fungeva da chiesa locale.
La cappella fu costruita intorno al 1260, subito dopo che la chiesa venne completata. Fu costruita anch'essa in stile romanico, con pianta a quadrifoglio e a due livelli. Ebbe la sua forma definitiva durante una ristrutturazione nel XVIII secolo.
La cappella è di gran lunga la sezione meno decorata dell'abbazia. La somiglianza delle decorazioni sopra le porte d'ingresso però dimostra che la cappella fu probabilmente costruita dagli stessi maestri.

jak_szent_jakab-kapolna_ala

Pianta e vista laterale della cappella

Animazione

Narrazione

La chiesa si trova su una collina nel villaggio di Ják, Ungheria occidentale, a 10 km da Szombathely.
La memoria dell'ex abbazia benedettina è ora conservata solo dalla chiesa e dalla cappella di San Giacomo, che si trova nel cortile della chiesa.
La chiesa è la più importante opera di architettura romanica in Ungheria. I suoi elementi architettonici suggeriscono che probabilmente è stata costruita agli inizi del XIII secolo, in più fasi. Probabilmente fu commissionata da Márton Jáki Nagy, il primo nobile ad essere menzionato in una carta, intorno al 1220. La chiesa fu consacrata in onore di San Giorgio nel 1256.
L'edificio si inserisce bene nel suo ambiente, con torri visibili da tutta l'area, che dominano il paesaggio. La chiesa a tre navate fu costruita nel tipico stile romanico, a pianta basilicale.
Le torri fanno parte integrante degli esterni, le navate laterali iniziano sotto le torri.
La chiesa e il cortile sono circondati da un muro. La parte meridionale del muro della porta Folnay è decorata con lo stemma dell'abate che da anche il nome alla porta. Entrando dal cancello, il lato sud della chiesa presenta una porta di ingresso, molto più piccola del portale principale. Girando a destra troviamo la sacrestia, le absidi laterali e l'abside principale sul lato orientale. Il lato nord della chiesa è meno vistoso.
La maggior parte delle decorazioni esterne si trova sulla parete occidentale, attorno al portale principale. La parte inferiore della facciata è dominata dal portale strombato, decorato con un motivo geometrico.
Il portale è uno dei più grandi tesori di architettura romanica in Ungheria. Le nicchie sopra il portale contengono statue ornamentali, esempi di scultura architettonica romanica. Solo 3 delle statue di Gesù e degli apostoli hanno le loro teste originali, le altre sono state distrutti da predoni ottomani nel 1532 e sono state sostituite successivamente.
La cappella di San Giacomo si trova di fronte alla facciata occidentale principale. Poiché fu vietato l'uso delle abbazie come chiese parrocchiali nel Medioevo, la cappella fungeva da chiesa locale. Venne costruita in stile romanico a pianta quadrilobata, intorno 1260. La cappella è di gran lunga la sezione meno decorata dell'abbazia. Ha assunto la sua forma definitiva durante una ristrutturazione nel XVIII secolo.
La chiesa abbaziale di Ják ha avuto una storia turbolenta: parti di essa sono state distrutte, è stata anche colpita da un fulmine e danneggiata da un incendio. L'ultima ristrutturazione è avvenuta nei primi anni del XX secolo, secondo i piani di Frigyes Schulek.

Extra correlati

Abbazia benedettina (Tihany, Ungheria)

L'abbazia benedettina fu fondata dal re Andrea I nel 1055.

Abbazia di San Gallo (XI secolo)

Il complesso architettonico del convento per molti secoli fu considerato una delle principali abbazie benedettine d'Europa.

Monastero dei frati Paolini (Monte Jakab, Ungheria)

Il Monastero dei frati Paolini fu costruito per i monaci eremiti ungheresi nel 1225.

Abbazia di Melk (Austria)

L'abbazia benedettina fondata 900 anni fa si trova a Melk, sulla riva destra del Danubio.

Campane

La campana è uno strumento musicale, appartenente alla classe degli idiofoni, disponibile in varie forme.

Cappella sepolcrale cattolica (Feldebrő, Ungheria)

Questa chiesa parrocchiale costruita nell'XI secolo è uno dei più importanti monumenti storici dell'Ungheria.

Cattedrale Gotica (Clermont-Ferrand, XV secolo)

La cattedrale prende il nome dall'Assunzione di Maria in Cielo, è uno dei gioielli dell'architettura gotica francese.

Chiesa di San Giovanni di Kaneo

Questa chiesa ortodossa, situata su una pittoresca scogliera, prese il nome di San Giovanni l'Apostolo.

Chiesa in legno dell’epoca vichinga (Borgund, XIII secolo)

È la più grande chiesa in legno conservata in Norvegia, costruita tra il XII e il XIII secolo.

Gerarchia della Chiesa cristiana medievale (XI secolo)

L'animazione presenta la struttura gerarchica della Chiesa cristiana medievale.

Topografia storica (località, bacino dei Carpazi)

Individua le località del Bacino dei Carpazi sulla mappa muta.

Cella Septichora (Pécs, Ungheria, IV secolo)

La necropoli paleocristiana di Pécs è un sito storico straordinario.

Cella trichora (Pécs, Ungheria)

La necropoli paleocristiana di Pécs è un sito storico straordinario.

Insediamenti dell’epoca degli Árpád

Le case a fossa erano abitazioni tipiche dell'epoca degli Árpád.

Piazza del Duomo (Szeged, Ungheria)

Il Duomo che domina la piazza è una chiesa votiva costruita dopo la grande alluvione. Sotto i portici dei palazzi si trova la Galleria Commemorativa...

Added to your cart.